.
Annunci online

Numero quattro - Crea un elettore

Ciao a tutti. Ho un’idea. So che molti potranno trovarla ingenua, e che si tratta di una goccia nel mare, ma da qualche parte si deve pur cominciare e io vorrei farlo, anche, da chi non va a votare.

In questo paese c'è troppa gente che non solleva mai la testa dal fiero pasto della propria quotidianità. Che è troppo occupata dal suo lavoro e della tran tran di tutti i giorni per rendersi conto di quello che accade. Sono quelli che si risveglieranno tra pochi anni e si chiederanno come mai non riescono a iscrivere i figli al nido o scuola, come mai qualunque analisi medica sarà a pagamento, e cose simili. Cose che li toccheranno all’improvviso quando avranno un bambino, quando staranno male o quando semplicemente le loro esigenze muteranno rispetto a oggi. Sto descrivendo in gran parte persone disgustate dalla politica, o semplicemente poco interessate e poco fiduciose del fatto che il loro voto possa fare la differenza. E che quindi da anni non si scomodano a indicare la propria preferenza. Magari sono fuori sede per i quali è un po’ più complicato essere inseriti nelle liste del posto in cui sono domiciliati. I motivi per non perdere quella mezz’ora sono tanti. Nessuno è secondo me un motivo valido.

La mia proposta è quella di individuare le persone che sappiamo non votare – persone che hanno fiducia in noi – e cercare di convincerle a farlo. Le leve possono essere le più disparate: per esempio si può cercare di informarle su argomenti che sappiamo essere importanti per loro.

Non dico di cercare di farli votare come vorremmo noi: nel gioco ci sta anche alla fine che decidano di favorire un partito che non ci piace. Ma se crediamo che li avremo spinti verso le urne con una certa consapevolezza avremo fatto comunque un buon lavoro. Trarranno da soli le loro conclusioni.

Questo è quello che possiamo fare noi. Una delle cose che possiamo fare.

Quello che invece chiedo ai partiti di tutti gli schieramenti, mentre io convinco i miei due o tre amici a tornare a dare al voto l’importanza che secondo me merita, è di rendersi un po’ più presentabili. Se devo convincere una persona che si fida di me a scomodarsi per voi, vorrei che anche voi faceste un piccolo sforzo.

Che dite: chiedo troppo?

Un abbraccio. Francesco

Sfoglia giugno        agosto